Azzurri all’estero: i migliori risultati

0 di MaddaVi

 

SABATO

Roberto Previtali e Quuny d’Amauri si aggiudicano la 125/130 del CSI1* di scena a Parigi in concomitanza al prestigioso evento a 5*.

0/0-34.52″ è il risultato finale del binomio che si lascia alle spalle il francese Guillaume Canet con Pomme du Valon e la spagnola Susana Epaillard con Virgule d’Auge, rispettivamente 0/0-34.75″ e 0/0-35.05″.

result

Per quanto riguarda la 145/150, Piergiorgio Bucci e Cuarta si aggiudicano la settima posizione della classifica con 0/56.37″.

result

Buone nuove anche dall’Austria, dove Vincenzo Chimirri vince la 140 del CSI2* di Wiener Neustadt in sella a Cara Cassandra con 0/47.19″.

result

Nel CSI3* a Selva di Val Gardena a vincere la 145 a tempo è stato Filippo Moyerson con Loro Piana Biricchina Bella, seguito dalla svizzera Gisler Claudia con Touchable e dal nostro azzurro Federico Ciriesi con Cassionato 46.

result

Anche la 150 a tempo ha visto la vittoria di un azzurro: si tratta di Paolo Paini in sella a Clodia CSG. Seconda, invece, la finlandese Anna – Julia Kontio con Fardon e, nuovamente terzo, Federico Ciriesi stavolta in sella a Cassandra 285.

result

DOMENICA

Lorenzo de Luca si piazza al quinto posto nel GP160 a Knokke.

Il binomio conclude la gara con 0-79.91″/0-40.14″

 

Il GP150/155 a due manche del CSI3* e qualificante per gli Europei 2017 di scena a Selva di Val Gardena è stato invece vinto dalla finlandese Anna – Julia Kontio in sella a Pacific des Essarts.

A seguire, il tedesco Simone Bum e Roberto Arioldi.

result

Trasferta positiva anche quella di Antonio Alfonso, che ha concluso il Gran Premio del CSI3* di Arnhem al 9° posto in sella a  Redskin de Riverland portando a termine la gara con 1 – 82,30″ e con il  5° posto nella 145 a barrage con Alex e 0/0 – 42,84″

In Francia nel CSI 2* DI MASSONGY uno strepitoso Emanuele Massimiliano Bianchi si aggiudica il Gran Premio 145  davanti a 60  partenti . Il giovane azzurro ha portato a termine due percorsi senza errori con un barrage velocissimo lasciandosi alle spalle lo svizzero Fabio Crotta e il francese Thomas Leveque.