Scuderia Terra degli Ulivi: tra equitazione e cultura

0 di MaddaVi

La Scuderia Terra degli Ulivi situata a Ruvo di Puglia ha ottenuto dalla FISE l’assegnazione di due eventi di grande rilievo sportivo, entrambi calendarizzati nel mese di luglio.

Si tratta di un concorso di Salto Ostacoli, ovvero la tappa del circuito di Crescita Tecnica “valenza Top” fissato in data 7/9 luglio e dei Campionati Centro-Meridionali di Dressage in scena il 21/23 luglio presso gli impianti della Scuderia Terra degli Ulivi.

“Il circuito di crescita tecnica è un sistema di programmazione federale che punta a rintracciare i migliori binomi del salto ostacoli”, ha dichiarato Antonio Mastrorilli, presidente del comitato organizzatore pugliese che si prepara ad accogliere con altrettanto entusiasmo i Campionati Centromeridionali di Dressage.
Si tratta di un campionato, ha spiegato Mastrorilli, che segna la sua seconda edizione in assoluto. L’anno scorso è stato ospitato in Campania e noi, quest’anno, siamo davvero orgogliosi di portarlo in Puglia”.

Saranno undici le regioni a caccia del titolo centromeridionale: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Umbria.

Aperta ai cavalieri e le amazzoni di tutta Italia, invece, la tappa di Coppa Italia che si svolgerà in concomitanza ai Campionati.

L’obiettivo della Scuderia Terra degli Ulivi è chiaro: contribuire al rilancio dell’equitazione in Puglia, attraverso concorsi ippici che consentano la crescita regionale e una sempre più crescente partecipazione nazionale agli eventi organizzati sul territorio.
Con questi due appuntamenti, ha dichiarato Mastrorilli, per dirla in gergo sportivo, partiamo al galoppo verso il futuro che desideriamo per la nostra regione”.

L’equitazione pugliese si affida a 69 circoli ippici e conta 3.455 atleti.
Bari, inoltre, è la città più in sella con 25 maneggi e 1.307 tesserati.

Diamo ora uno sguardo alla struttura che andrà ad ospitare questi due eventi.

La Fattoria Terra degli Ulivi si estende per 15 ettari nel cuore del Parco nazionale dell’Alta Murgia.

Fanno da cornice naturale gli ulivi secolari che da 10 anni regalano il prodotto tipico pugliese per eccellenza: l’Olio Extra – Vergine di Oliva.

Al suo interno sono presenti anche una fattoria didattica e sociale. Ad accogliere i visitatori, animali da cortile, pony e prodotti locali.

E’ tra questi uliveti che pascolano i cavalli dell’allevamento della Scuderia Terra degli Ulivi, da anni dedita anche all’attività sportiva nelle discipline del Dressage e del Salto Ostacoli.

L’area sportiva occupa 8 ettari dell’omonima tenuta che comprende:

  • Un campo in sabbia silicea 80 X 50 mt
  • Un campo in sabbia silicea 70 X 30 mt
  • Due campi in sabbia silicea 40 X 20 mt
  • Tondino – diametro 16 mt
  • 60 box fissi

Terra degli Ulivi è anche chiamata “Terra di Ares”.

Il campo gara “Ares” della Scuderia Terra degli Ulivi prende nome dal cavallo che è cresciuto a Ruvo di Puglia e che oggi, sotto la sella di Emilio Bicocchi, difende i colori azzurri in Nations Cup, contribuendo alla vittoria dell’Italia nella Coppa delle Nazioni di San Gallo (Svizzera).

Questa struttura è situata a 35km da Bari ed a 25 dall’aeroporto. Per chi arriva dall’autostrada, invece, è a 10km dall’autostrada (uscita Trani) e a 15km dalle note località balneari di Trani e Bisceglie.

Nei suoi tre anni di vita il centro ippico ha puntato sulla consulenza di grandi nomi equestri, ospitando stage diretti da:

  • Philippe Lejeune,
  • Francesco Vedani,
  • Stefano Cesaretto,
  • Gianluca Palmizi

I concorsi ippici della Scuderia Terra degli Ulivi si inseriscono in un contesto di turismo enogastronomico e locale che da sempre caratterizza il territorio pugliese, in particolare in questa area geografica, meta riconosciuta e apprezzata in tutta Italia.

Antica Polis della Magna Grecia forte del suo commercio di olio di oliva e vino, Ruvo di Puglia conserva i suoi reperti archeologici di età ellenistica all’interno del Museo Archeologico Nazionale Jatta.

Ruvo di Puglia si trova a 20 chilometri da Castel del Monte: Fortezza del XIII secolo voluta dall’Imperatore del Regno di Sicilia Federico II, oggi patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

La cittadina pugliese è stata identificata come ambientazione da Lina Wertmuller, nota nella storia del cinema italiano come regista e sceneggiatrice italiana, prima donna candidata a un Premio Oscar.  Fu questo il set  di alcune scene dell’episodio Bari, contenuto nel film “12 registi per 12 città”.

Il piatto tipico è la tiédde, detta anche vaso di Ruvo: un pasticcio di maccheroni cotto al forno in un tegame di terracotta. Tipiche della gastronomia barese sono anche: le orecchiette condite con le rape, o con  sugo e ricotta dura; e il purè di fave e cicoria.

Tra le produzioni locali regna l’olio extravergine d’oliva, il miele e i vini DOC Castel del Monte, Moscato, Nero di Troia e Greco.

 

 

 

Foto/Fonte: comunicato