FISE: a piccoli passi verso la normalità, alcuni chiarimenti dal Ministero della Salute

0 di MaddaVi

Il Ministero della Salute ha risposto oggi, venerdì 15 maggio, alle richieste di chiarimenti della FISE datate 15 e 16 aprile.

La Federazione, infatti, sollecitava alcune precisazioni, al fine di potere consentire lo svolgimento presso i centri autorizzati delle terapie assistite con il cavallo e di potere effettuare trasporti anche finalizzati alle attività di allenamento e commercio.

Finalmente a un mese dalla lettera con la quale è stato richiesto l’intervento del Ministro della Salute al fine di consentire l’accesso dei proprietari ai centri, (problema ormai risolto dal DPCM del 26 aprile e dalle ordinanze regionali), sono state autorizzate, in accoglimento alle ulteriori istanze e sollecitazioni, anche le Terapie Assistite ed i Trasporti anche finalizzati alle attività di allenamento previste dal citato DPCM o al commercio. Un altro importante passo in avanti per il nostro mondo e verso la normalità! Verificate sempre ordinanze regionali e comunali.” ha scritto su Facebook il Presidente Marco di Paola.

“Per quanto concerne gli equini destinati all’attività ludico sportiva, ivi compresi quelli i cui proprietari e affidatari non rientrano nella definizione di atleti professionisti e non, dev’essere consentita la movimentazione a terra o montati al fine di garantire un’adeguata condizione psico – fisica necessaria al mantenimento del benessere degli animali stessi.

Per cui, laddove gli animali vengono detenuti in strutture quali ad esempio circoli sportivi e maneggi, dovrà essere permesso l’accesso agli affidatari e ai proprietari degli equini. I titolari degli impianti, pertanto, disciplineranno le modalità d’accesso alla struttura prevedendo le misure di distanziamento ed ogni altra misura prevista dalla sopra richiamata normativa, nonché l’accesso per appuntamento per evitare picchi d’affluenza e comunque per ciascun cavallo non potranno essere ammesse contemporaneamente più persone dedicate all’ accudimento.” È possibile leggere sulla circolare del Ministero.

CIRCOLARE