Eric Lamaze chiede ai cavalieri di seguire più attentamente le misure di sicurezza

0 di MaddaVi

Eric Lamaze, dopo essere rimasto deluso dal comportamento di molti cavalieri e dei C.O. di Lier e Opglabbeek ha deciso di rivolgersi a tutta la comunità equestre.

“Oggi è un giorno triste. Non vedevo l’ora di passare la settimana a Lier ma, alla fine, ho deciso che non potevo continuare a competere qui e a sostenere questo evento. Non parteciperò a un CSI che in una categoria di 1.45m con 4000€ di montepremi vede alla partenza 252 cavalieri che puntano a qualificarsi per la categoria del giorno seguente. Questa mattina dopo l’inizio delle gare, hanno deciso di dividere la categoria in 3 gruppi diversi, con 3 percorsi diversi. Ciò significa che un cavaliere può fare un buon giro ma lento e non qualificarsi per nessuna classifica del giorno seguente. Non è giusto e non ha alcun senso!

Sono felice di aver ottenuto la qualifica per il GP ma ho gareggiato con un giovane cavallo perché non volevo far scendere in campo uno più esperto in una categoria a tempo di 4000€. Che sistema terribile e che decisione deludente da parte degli organizzatori. Capisco che tutti sono pronti a tutto per competere e lo sono anche io. Tuttavia, non sono pronto a fare delle cose insensate con i nostri cavalli per ottenere 1000€. È davvero un peccato. Eravamo così felici di essere qui – la struttura è bella, il campo è grande e l’atmosfera è fantastica. Dispiace solo la mancanza di buon senso per cavalli e cavalieri.

In un’altra nota, desidero anche richiamare l’attenzione sulla FEI e mostrare agli organizzatori i requisiti relativi all’uso di maschere e guanti durante lo spettacolo.

I groom devono indossare una maschera e i guanti nella warm-up arena, ma non è necessario che i cavalieri che camminano lungo il percorso con gli allievi la indossino. I cavalieri sono coloro che hanno il maggior contatto con altre persone e quindi dovrebbero assolutamente indossare una mascherina. Sono stato così deluso dall’aver visto solo 5 cavalieri indossare una mascherina. Capisco che tutti hanno la libertà di fare questa scelta, ma perché non prendere tutte le migliori precauzioni per rimanere sani e salvi in ​​modo che lo sport che amiamo possa continuare senza incidenti o problemi? Secondo me, se non stiamo attenti e prendiamo tutte le precauzioni possibili, torneremo presto a casa senza eventi in calendario.

La responsabilità ricade su tutti noi, ma soprattutto sulla FEI e su tutti gli organizzatori.

Senza i piccoli eventi che seguono le precauzioni necessarie, a questo punto, i grandi CSI a cui tutti vogliamo tornare non saranno una realtà fattibile.

2 settimane fa ero ad Opglabbeek, dove nessuno indossava alcuna maschera: né in campo né al ristorante. Sono stato così deluso nel vederlo! Anche lì la struttura è incredibile e gli do credito. Dopo lo spettacolo, mi sono preso il tempo di chiamare il proprietario per spiegare il mio punto di vista. È stato molto gentile e comprensivo. Si era reso conto che avrebbe avuto l’obbligo di fare meglio e che lo avrebbe fatto per mantenere la salute di tutti una priorità. Ma una settimana dopo sono stato deluso dall’apprendere che il venerdì sera era stata organizzata una grande festa senza mascherine che hanno richiesto alla polizia di venire ad interromperla. Era davvero necessario?! Secondo me, è stata una decisione completamente disattenta e spericolata che mancava di buon senso. Il C.O. di Opglabbeek dovrebbe considerare la sua posizione nel settore con la sua splendida struttura.

Dovrebbero ripensare alle loro priorità: è più importante organizzare uno spettacolo di livello o fare una festa e mettere le persone in pericolo? Ancora una volta, quella festa era davvero necessaria?

Penso di no. Io amo competere in Belgio e voglio essere in grado di supportare questo settore completamente. Tuttavia, con lo stato attuale del mondo e con COVID-19, metto al primo posto la salute e la sicurezza di tutti e penso che gli altri dovrebbero fare lo stesso. È l’unico modo in cui si riuscirà a superare tutto questo. Auguro a tutti i concorrenti in gara a Lier buona fortuna questo fine settimana.

Voglio che tutti sappiano che è stata una mia decisione personale quella di tornare a casa, anche se ero qualificato per il GP, Chris era qualificato per la 1.45m di oggi e Hayley per la finale di 1.40m. Non posso sostenere questo tipo di spettacolo! Sono aperto a qualsiasi idea se le persone volessero contattarmi”.