Longines FEI World Endurance Championship: si parte!

0 di MaddaVi

Sono concentrati e motivati gli azzurri del Team Italia che domani difenderanno il tricolore nel Campionato del Mondo di Endurance di San Rossore (Pisa).

La squadra, guidata dallo chef d’équipe Arnaldo Torre e composta da Patrizia Cianferoni con Quintana, Umberto Favacon Antair JR, Martina Gaiani con Badmington d’Oc, Camilla Malta con Naria e dal campione italiano Daniele Serioli con Selenia, è infatti pronta ad affrontare al meglio della condizione i 160 chilometri della competizione iridata.

Con gli azzurri, al nastro di partenza – fissato per le 7:00 di domattina 22 maggio – si presenteranno 81 binomi in rappresentanza di 32 nazioni, 13 delle quali competeranno anche per il titolo a squadre.

Obiettivo comune quello di iscrivere il proprio nome, e quello della propria Nazione, nell’albo d’oro dei FEI World Endurance Championship, succedendo così ai vincitori dell’edizione 2016.

Cinque anni fa a Samorin, in Slovacchia, a conquistare il titolo individuale fu lo spagnolo Jaume Punti Dachs con Twist Maison Blanche (media di 23,605 km/h) davanti al connazionale Alex Luque Moral su Calandria Ph e Sheikh Nasser bin Al Khalifa su Waterlea Dawn Treader per il Bahrain.

Saranno tutti e tre in gara anche domani per un’ideale difesa delle medaglie vinte, ma dovranno misurarsi però con altri cavalieri di prim’ordine come, su tutti, l’attuale leader del FEI Endurance Open Riders World Ranking, l’emiratino Saif Ahmed Mohammed Ali Almazrouei e la spagnola due volte campionessa del mondo (2008 e 2010) Maria Alvarez Ponton. Quest’ultima, moglie di Punti Dachs, è un’amazzone che nel corso della carriera ha saputo scrivere pagine memorabili dell’endurance mondiale ed europeo.

Per ciò che riguarda la competizione a squadre, invece, la caccia alle medaglie partirà dal podio dell’ultima edizione con la Spagna con Jaume Punti Dachs, Alex Luque Moral, Angel Soy Coll (tutti in gara domani) sul gradino più alto davanti a Francia(Luon Allan, Julien Lafaure e Laetitia Goncalves) e Paesi Bassi(Joyce Van den Berg, Iris Van der Horst e Melisa Huijsman).

 

 

 

fonte: fise