Le dichiarazioni dei protagonisti della conferenza stampa del Longines Global Champions Tour di Roma

0 di Vi
Longines Global Champions Tour Rome - Media District

ROMA – Si è tenuta questa mattina, nell’incantevole cornice del Circo Massimo, la conferenza stampa di presentazione della sesta edizione del Longines Global Champions Tour di Roma, prestigioso circuito internazionale di salto a ostacoli in programma con due tappe nella Capitale dal 10 al 12 e dal 16 al 18 settembre.

Presenti alla conferenza la Sindaca di Roma Virginia Raggi, il Presidente e fondatore del Longines Global Champions Tour e della Global Champions League Jan Tops, il Presidente e Amministratore Delegato di Sport e Salute Vito Cozzoli, il Direttore Sportivo del LGCT Marco Danese, la Coordinatrice italiana del LGCT Eleonora Di Giuseppe, l’Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi Eventi cittadini Veronica Tasciotti, Il Presidente della Fise Marco Di Paola, l’amazzone numero uno del ranking LGCT Edwina Tops-Alexander e il cavaliere azzurro Alberto Zorzi.

La Sindaca di Roma Virginia Raggi: “Per noi è un motivo di grandissimo orgoglio essere qui oggi, l’arena alle nostre spalle ci consente di avere già un’idea di quello che sarà: amazzoni e cavalieri che sfilano sotto le vestigia dell’antica Roma, è un grandissimo colpo d’occhio. Una doppia tappa quest’anno al Circo Massimo e ci rimarrà almeno fino al 2025. Roma si conferma Capitale dello sport, in questi anni ha ospitato tantissime manifestazioni. Abbiamo lavorato tanto con la Sovrintendenza per portare questo evento a impatto zero e totalmente sostenibile all’interno di un’arena che è patrimonio UNESCO. E’ stato capito il valore della manifestazione e siamo riusciti a superare una serie di criticità creando qualcosa di unico. La doppia tappa rimarrà con noi almeno fino al 2025, dobbiamo rimanere ottimisti. Roma si conferma Capitale dello sport e la parola chiave è sostenibilità e lo abbiamo imparato dalla pandemia”.

Il Presidente e Fondatore del LGCT e della Global Champions League Jan Tops: “Ringrazio tanto per le belle parole della sindaca. Sono felice di essere qui, al Circo Massimo, un posto dove da duemila anni non c’erano cavalli. Un luogo perfetto, così come è perfetto settembre per passare del tempo a Roma. Amiamo questa atmosfera e vi ringraziamo di cuore, tutti sono ansiosi di vedere il nostro live streaming e il nostro evento”.
La coordinatrice italiana dell’evento, Eleonora di Giuseppe: “Per me è un sogno portare i cavalli al Circo Massimo, ringrazio la sindaca Raggi, gli assessorati competenti, i dipartimenti e gli uffici dell’amministrazione Capitolina. Hanno lavorato tutti insieme per portare qui un evento unico. Grazie alla competenza di tutti, siamo riusciti a creare un evento unico, in un contesto unico. Si riparte con il LGCT dal Circo Massimo e un ringraziamento particolare va a Jan Tops, quest’anno addirittura due tappe anziché una, creando un volano in termini di turismo e per l’economia molto importante per la città e per l’Italia. Lo abbiamo ribadito più volte con Marco Di Paola della Fise, con i vertici Sport e Salute e con il Coni. Abbiamo iniziato questo progetto diversi anni fa, quello che riportiamo qui non è solo sport ma c’è tanta progettualità di integrazione, con la visione del cavallo come co-terapeutica e come risorsa sociale”.

Il Presidente e Amministratore Delegato di Sport e Salute SpA, Vito Cozzoli: “Ringrazio la sindaca Raggi per l’ospitalità, Jan Tops, Marco Di Paola e la direttrice Eleonora Di Giuseppe. Siamo particolarmente legati al cavallo, per quello che può dare in termini formativi ed educativi. Il LGCT può dare un grande contributo di ripartenza alla città e al Paese. Lo sport di base e di alto livello si completano, senza lo sport di base non ci sarebbe lo sport di alto livello. Anche questa è la dimostrazione che sappiamo lavorare tutti insieme. Lo sport ha un grande valore educativo e sociale, siamo impegnati in questo periodo per supportare la ripresa dell’anno scolastico e lanceremo lo sport nella scuola primaria, che ancora non è previsto. Lo sport ha una dimensione economica, di crescita sostenibile. Abbiamo condiviso un piano di sviluppo sportivo con il Governo e questa manifestazione darà un grandissimo contributo per la città e per lo sport italiano”.
Il Presidente FISE, Marco Di Paola: “La cosa migliore è che lo sport equestre sia di nuovo a Roma. La pandemia ci ha dato il dispiacere di non godere di eventi sportivi. Quest’anno siamo riusciti a ridare alla città eventi di grande livello. Ringraziamo Jan Tops, questo geniale business-man che ha ideato questo circuito e che ha voluto onorare Roma, quest’anno con due tappe, ringraziamo anche Di Giuseppe e la sindaca Raggi, che ci sta dedicando tantissimo tempo e che ha creduto e crede nello sport equestre. I cittadini riceveranno un beneficio per poter riutilizzare questi luoghi. I percorsi sono molto complicati per poter consentire la fruizione di sport in città. È un’occasione di grandissimo rilancio per lo sport equestre. Poter stare per due settimane ad altissimo livello nello sport equestre è per noi un fatto formidabile. Abbiamo anche l’occasione di avere attività sportive di livello altissimo. Un circuito che propone i migliori cavalieri al mondo. Potremo goderci lo sport e questa meravigliosa città e promuovere lo sport equestre”.

Il Direttore Sportivo del LGCT, Marco Danese: “Qui è il top del top, con i medagliati olimpici e iI percorso concepito da Uliano Vezzani ci sono tutti gli ingredienti per avere un successo dal punto di vista sportivo importante. Bisogna riconoscere la tenacia di Jan Tops nel portare a compimento un tour del genere e abbiamo dovuto fare degli aggiustamenti a causa della pandemia che non ci ha consentito di andare in altri paesi extraeuropei. Il calendario ha portato fortuna a Roma, che ha preso anche la tappa di Città del Messico. E in più ci saranno anche i nostri amici cani, che verranno a fare uno spettacolo con il gran premio di Agility della Fidasc”. 
L’amazzone australiana numero uno del ranking LGCT, Edwina Tops Alexander: “Per me è un vero onore essere qui al Circo Massimo, non solo per competere ma anche per visitare la città. Una tappa importante per il LGCT e Roma è veramente speciale. Stando qui due settimane dovrò ricordarmi di essere prima di tutto un’atleta e non solo una turista. Ci saranno tanti atleti e amazzoni che hanno vinto tante medaglie e mi stanno proprio alle spalle. Quindi dovrò fare del mio meglio”.
Il cavaliere azzurro Alberto Zorzi: “E’ un’emozione fantastica gareggiare qui al Circo Massimo, per me e per tutti gli italiani perché sentiamo il calore del pubblico di casa e daremo il massimo. Attualmente sono decimo in classifica, cercherò di fare del mio meglio conseguire più punti possibile, sento i cavalli molto bene e lotteremo fino alla fine”.
Il CT azzurro Duccio Bartalucci: “Abbiamo due tappe di LGCT qui a Roma, questo mi dà la possibilità di poter mettere in campo il maggior numero di atleti possibile. In più, abbiamo anche la wild card della FEI. Dopo il Covid e il finale della stagione 2019 ci sono state pesanti perdite per la nostra nazionale, a causa della vendita di diversi cavalli importanti e altri che hanno terminato la carriera. Per noi è un’occasione fantastica dopo un anno di ricostruzione”.

 

fonte: LGCT Rome Media District