FISE: Paradressage, parte bene da Ornago la stagione per gli azzurri

0 di MaddaVi

Gli azzurri del paradressage hanno cominciato con il piede giusto la stagione 2021 in vista di un anno molto importante che culminerà, dal punto di vista sportivo, con le Paralimpiadi di Tokyo.

Gli azzurri hanno cominciato con il primo CPEDI3* che si è concluso domenica 28 febbraio, a Ornago, negli impianti delle Scuderie della Malaspina.

Nove in tutto gli azzurri in rettangolo, agli ordini del capo equipe Ferdinando Acerbi.

Il Grado I ha salutato una scintillante prestazione della Campionessa del Mondo in carica Sara Morganti, di recente mente entrata a far parte del gruppo sportivo delle Fiamme Azzurre. Percentuali davvero importanti, sopra il 75%, nel Team test per Morganti con una vittoria in sella alla fidatissima Royal Delight (75,571%) e un secondo posto Mariebelle (75,298%). Bellissima gara anche per Carola Semperboni e Paul che si attestano al terzo posto con un superbo 70%.
Classifica fotocopia anche nell’Individual test con Morganti al primo e al secondo posto rispettivamente con Royal Delight (74,940%) e al secondo con Mariebelle 73,810% e con una Carola Semperboni che, al terzo posto, in sella a Paul sfiora la quota 71 con il 70,833%. Per il Freestyle la Campionessa del Mondo ha giocato la carta Mariebelle, ed è ancora sua la migliore prestazione con un’altra bella vittoria ottenuta con l’ottima percentuale del 77,600%. Carola Semperboni e Paul hanno chiuso al quarto posto con il 62,656%.

Un solo partecipante nel Grado II. Si è trattato di Maurizio Ungalli in sella a Funny Face 8. Il cavaliere azzurro ha chiuso il Team test con il 59,444%, ma è stato protagonista di una crescita nelle successive giornate di gara con il 62,206% nell’Individual e il 63,056% nel Freestyle.

Il Grado III ha avuto un’altra dominatrice: Francesca Salvadè che in sella a Muggel 4 si è aggiudicata il Team test con 67,696% e la piazza d’onore in versione Oliver-Vitz con una percentuale di poco più bassa (67,598%). Terza Anita Panigalli su Gabber vod (60,882%). È sempre Francesca Salvadè, ma questa volta in versione Oliver-Vitz, ad aggiudicarsi l’Individual test. Per loro percentuale del 69,608%. La piazza d’onore è di Anita Panigalli e Gabber Vod con il 61,422%. Eliminazione, purtroppo, per il binomio Salvadè/Muggel 4. Ancora Salvadè/Oliver Vitz nel Freestyle. L’amazzone azzurra si è aggiudicata la gara con musica con un ottimo 73,778%. Piazza d’onore per Panigalli/Gabber Vod (58,944%).

Nel Grado IV è quello di Federico Lunghi il migliore risultato azzurro del Team test. Con il 67,417% il cavaliere azzurro in sella a Dance Valley M ha conquistato la piazza d’onore della gara, precedendo se stesso, visto che in sella a Laudario ha ottenuto anche la terza piazza (65,625%). Seguono rispettivamente al quarto e quinto posto Erica Barozzi (63,708%) su Pie’s Ratzinger e Virginia Colombi su Alina Bella (60,125%). Nell’Individual test Lunghi porta Laudario a conquistare la seconda posizione con il 67,764% e conquista la terza piazza con Dance Valley M (66,870%). Alle sue spalle quarta posizione per Erica Barozzi su Pie’s Ratzinger (63,984%) e quinta per Virginia Colombi su Alina Bella (59,431%). Federico Lunghi si affida a Laudario per il freestyle che chiude al secondo posto con un 65,492%. Dietro di lui terza piazza per Erica Barozzi su Pie’s Ratzinger (64,492%).

Il Grado V ha registrato una netta crescita di Federica Sileoni che in sella a Don Perignon ha chiuso al terzo posto il Team test (65,504), l’Individual test (66,032%) e il Freestyle test (69,183%).

È, infine, di 428,85 il punteggio complessivo della squadra italiana schierata da Ferdinando Acerbi. Il team è stato composto da Carola Semperboni su Paul, Sara Morganti su Royal Delight, Francesca Salvadè e Oliver Vitz e Federica Sileoni su Don Perignon.

 

fonte: fise