Fieracavalli – Jumping Verona: domani il Gran Premio Longines FEI Jumping World Cup

0 di MaddaVi

Domani, domenica 28 ottobre, alle 14.15 di Fieracavalli va in scena il Gran Premio Longines FEI Jumping World Cup™ presented by Fieracavalli – Veronafiere.

E’ la terza tappa del circuito Europa Occidentale di Coppa del Mondo 2018/19 con al via i migliori binomi al mondo, per una gara di altissima levatura tecnica e spettacolare, dotato di un montepremi di 190 mila euro.

Quaranta i binomi impegnati. Il primo a scendere in campo proprio un azzurro, l’appuntato scelto Bruno Chimirri (su Tower Mouche), l’ultimo Lorenzo Di Luca (Ensor de Litrange LXII).

Per il 1° aviere un ottimo sorteggio. Gli altri azzurri in ordine di entrata: aviere capo Luca Marziani (10, Tokio Du Soleil), Piergiorgio Bucci (11, Driandria), Riccardo Pisani (16, Chaclot), Paolo Paini (17, Ottava Meraviglia di Ca’ S. Giorgio), Lucia Le Jeune Vizzini (19, Cabalgaro Z), Gianni Govoni (20, Antonio), caporal maggiore Alberto Zorzi (21, Contanga) e carabiniere scelto Emanuele Gaudiano (32, Chalou).

Diciassette le nazioni rappresentate. L’Italia schiera 10 binomi, seguono Svezia e Germania con 4, Svizzera e Belgio con 3, Irlanda, Gran Bretagna, Olanda e Francia a quota 2, Grecia, Usa, Finlandia, Egitto, Brasile, Australia, Spagna e Austria con un binomio ciascuno.

Non ci sarà al via il trionfatore della passata stagione, l’olandese Maikel van der Vleuten, ma sono regolarmente in campo l’egiziano Abdel Said che ha vinto a sorpresa nel 2016, Bertram Allen (2014, il più giovane vincitore a Jumping Verona, aveva 19 anni) e il fuoriclasse francese Simon Delestre (2015). Occhi puntati anche per i medagliati ai campionati del mondo disputati a settembre a Tryon, la tedesca Simone Blum oro data in forma smagliante e la coppia svizzera Martin Fuchs (argento) e Steve Guerdat (bronzo). Non poteva mancare al via una leggenda dell’equitazione mondiale, il britannico John Whitaker, il veterano con i suoi 63 anni che ha vinto due volte la tappa di Coppa del Mondo in Italia nel 1997 e nel 2000 a Bologna. Oggi Whitaker ha fatto capire a tutti che non è venuto qui per turismo, piazzandosi quinto con percorso netto nel Premio Safe Riding vinto da De Luca.

Dopo le prime due tappe della FEI World Cup 2018/2019 girone Western European League di Oslo e Helsinki, guida la classifica il tedesco Hans Dieter Dreher con 28 punti seguito ex equo dal belga Gudrun Patteet e il nostro splendido Luca Maria Moneta con 21 punti.

Quella in programma domani è l’edizione numero 18 della FEI World Cup a Verona (in Italia se ne sono disputate altre otto (sei a Bologna e due a Milano, la prima nel 1983). Nella tappa italiana il record di successi spetta all’Olanda con 6, seguita dalla Germania (5), Francia e Gran Bretagna (3), Irlanda (2), Brasile, Spagna, Svizzera, Belgio e Egitto un successo ciascuno. Il Gran Premio Longines FEI Jumping World Cup™ presented by Fieracavalli – Veronafiere si svolge su una categoria mista con ostacoli a 160 cm. Direttore di campo è Uliano Vezzani, uno dei più qualificati del mondo. Eventuale barrage per i binomi con zero penalità o, nel caso di mancanza di netti, con meno penalità. Nel barrage oltre ovviamente alle penalità, gioca un ruolo decisivo per l’assegnazione della vittoria il tempo impiegato per coprire il percorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: FB-Sport Jens Körner/fonte: fise