Montefalco: quattrocento cavalli ricordano Lorenzo Attili

0 di MaddaVi

Quattrocento cavalli si sono dati appuntamento a Montefalco per l’VIII Memorial Lorenzo Attili.

Il concorso nazionale A5* di salto ostacoli – Show director Giovanni Zampolini, direttore di campo Elio Travagliati, ospiterà dal 26 al 28 luglio il Progetto Sport e il Trofeo Umbria Challenge.

Ma chi era Lorenzo Attili?

Lorenzo è nato con il sorriso – racconta mamma Alberta – mai un capriccio, mai un lamento. Lui stava bene ovunque lo portassi. E così è rimasto per tutta la sua vita. Lorenzo trovava sempre la chiave giusta per affrontare la vita con entusiasmo e determinazione. Il suo primo disegno in assoluto, alla scuola materna, è stato un cavallo e nella sua pancia aveva inserito la sua casa. Questa passione ha motivato tutte le scelte più importanti. Prima fra tutte, cominciare a montare i pony all’età di 5 anni. Ricordo che quando aveva 15 anni prendeva l’apetta per salire sui monti e trascorrere il pomeriggio con i cavalli. Tornava a casa e mi diceva “mamma, oggi sei la seconda persona che incontro, dopo la barista”. Lui era felice così, in sella. E per montare, fare esperienza e imparare, era pronto a tutti i sacrifici”.

Lorenzo Attili era qualcosa di più di un semplice istruttore per la famiglia Zampolini.

Il progetto “Horses Le Lame” era tutto per lui. Un giorno – prosegue mamma Alberta – durante il definitivo ricovero in ospedale, l’ho trovato al telefono con Giovanni Zampolini. Lo aveva chiamato per assicurarsi che avesse scelto i fondi in sabbia francese Quali-Sol Toubin & Clément. “Fidati, Giovanni, è un investimento che ritornerà. Saranno tutti felici di venire a fare i concorsi da noi”, diceva. Per lui Giovanni era un secondo padre ed era entusiasta quando mi ripeteva “mamma, io per Giovanni sono il quarto figlio, me lo dice sempre”.

fonte: Ufficio Stampa Horses Le Lame//foto: Fabio rosetti