My Horse Official Supplier della FISE

0 di MaddaVi

Al fianco della FISE fino al 2022 ci sarà anche My Horse, store che offre il meglio del Made in Italy e di firme internazionali per quanto riguarda abbigliamento e accessori per gli sport equestri.

Grazie alla costante attenzione che offre ai suoi clienti, My Horse è diventato rapidamente un punto di riferimento per amazzoni e cavalieri, soprattutto nel campo della personalizzazione, aspetto che rende i prodotti “stock” unici nel proprio genere.

Da oggi My Horse, realtà nata nell’hinterland milanese, è Official Supplier della Federazione Italiana Sport Equestri e accompagnerà le avventure di giovanissimi atleti nelle emozioni di vari appuntamenti sportivi, nazionali ed internazionali. Nello specifico, le squadre di azzurrini del Mounted Games vestiranno MyHorse in occasione dei Campionati del Mondo e dei Campionati Europei della prossima estate.

Per entrare subito in azione, ecco la possibilità per i nostri “ponisti” di vestire MyHorse in occasione delle gare nazionali di Salto Ostacoli riservate ai pony nel programma dell’88° CSIO di Roma – Piazza di Siena (26-30 maggio). Ancora, un altro appuntamento iconico per la vestizione MyHorse: i concorrenti delle categorie nazionali Trofeo Pony, Coppa Pony Emergenti e Future Pony  potranno indossare i capi firmati MyHorse in occasione di Arena FISE a Fieracavalli Verona (novembre 2021).
La gara Best Rider Progetto Sport porterà il nome dello store.

Dal Salto Ostacoli al Concorso Completo di Equitazione: i partecipanti ai Campus dedicati alla preparazione degli atleti di futuro interesse federale “Next Generation Team” vestiranno MyHorse.

“Siamo soddisfatti – commenta il Direttore Sportivo Discipline Olimpiche FISE Francesco Girardi – di poter offrire al nostro settore giovanile la possibilità di indossare una “divisa” FISE nelle occasioni sportive più importanti. Grazie alla collezione MyHorse, i nostri campioni in erba avranno modo di sentirsi ancora più uniti nelle avventure delle competizioni che li prepareranno ad essere i protagonisti degli sport equestri di domani”. 

 

fonte: fise