FEI Veterinary Epidemiology Working Group: le misure di biosicurezza sono da mantenere

0 di MaddaVi

Il 28 maggio 2021 l’FEI Veterinary Epidemiology Working Group ha tenuto l’undicesimo dei suoi incontri settimanali.

Il resoconto della riunione recita:

“Situazione attuale

Come sempre, al Gruppo sono state fornite informazioni sulla situazione attuale nell’Europa continentale ed è stato informato che non erano stati segnalati casi di EHV-1 collegati a eventi FEI dall’ultima riunione. Nell’ultimo mese, sono stati segnalati piccoli numeri di EHV-1 in Italia, Regno Unito e Stati Uniti, ma l’epidemia in corso nel Regno Unito non ha alcun collegamento con l’epidemia spagnola. I casi di malattia respiratoria EHV-1 recentemente segnalati in Italia non erano collegati a eventi FEI. Al momento non è chiaro se i casi di EHV-1 a Ornago (ITA) siano correlati all’epidemia spagnola.

Il Gruppo è stato aggiornato sui cavalli statunitensi arrivati ​​a Liegi (BEL) prima di recarsi al CDI di Compiegne (FRA). Diversi giorni dopo l’arrivo, due cavalli sono risultati positivi a EHV-1, ma non hanno mostrato alcun segno clinico di infezione. I cavalli, che non avevano legami né con l’epidemia spagnola né con Ornago, non sono andati a Compiegne, sono stati isolati e verranno riesaminati.

Un gruppo separato di cavalli statunitensi diretti ai Campionati Mondiali Endurance FEI a Pisa (ITA) è stato ritirato dall’evento a seguito dell’indagine su un cavallo con febbre prima del loro arrivo a San Rossore. L’analisi dei campioni di sangue ha suggerito un’infezione virale e il ritiro dell’intera squadra si è basato su tutti i cavalli considerati in contatto. Il cavallo in seguito è risultato negativo per EHV-1.

Il Gruppo ha convenuto che sarebbe utile ottenere dati dagli eventi andati in scena dal 12 aprile 2021 per determinare la prevalenza di EHV nei cavalli sportivi. Sebbene sia stato osservato che i motivi dei ritiri sarebbero sconosciuti, i ritiri potrebbero essere confrontati con lo stesso periodo dell’anno scorso. Si potrebbero anche fare confronti tra eventi in cui il test EHV-1 prima dell’arrivo era obbligatorio ed eventi in cui non vi erano requisiti di test.

Misure di biosicurezza prolungate

Il Gruppo è stato informato che le misure di biosicurezza che rimarranno in vigore oltre il 30 maggio sono state pubblicate il 27 maggio e sono state ben accolte. Il test EHV-1 sarà richiesto solo prima dei voli e all’ingresso in quarantena pre-esportazione (PEQ). Il Gruppo ha discusso l’utilizzo dello stesso laboratorio per l’analisi dei campioni dei cavalli che si troverebbero al PEQ di Aquisgrana al fine di garantire risultati armonizzati.

La prossima riunione del Gruppo è prevista per il 10 giugno 2021″.

 

fonte: fei