Ti piacciono i cavalli? Ecco i film da non perdere (Parte 31)

0 di MaddaVi

Al via anche questa settimana il nostro appuntamento giornaliero con la nostra rubrica dedicata a tutti gli appassionati di cavalli e di film/serie tv.

Dopo Free Rein, la serie di Windstorm, Rodeo&Juliet, The World We Make, Rock My Heart, Walk. Ride. Rodeo, A Sunday Horse, Charley Thompson, The Rider – Il Sogno di un Cowboy, The Horse Boy, Emma’s Chance, Race to Win/Race to Redemption, L’uomo che sussurrava ai cavalli, War Horse, Seabiscuit – Un mito senza tempo, Dreamer – La strada per la vittoria, Cavalli, Un anno da ricordare, la trilogia di Flicka, Black Stallion, Spirit-Cavallo Selvaggio, Oceano di fuoco – Hidalgo, Gran Premio (National Velvet), Jappeloup, Ride Like a Girl, Being AP, The Derby Stallion, Senza Controllo, Cowgirls ‘n Angels (Cowgirls n’ Angels) e Wildfireoggi parliamo di Storie di cavalli e di uomini.

 

“Storie di cavalli e di uomini” è un film islandese NON ADATTO AD UN PUBBLICO GIOVANE del 2013 diretto da Benedikt Erlingsson. Nel 2014 era stato candidato all’Oscar per il miglior film in lingua straniera (premio ora noto come Premio Oscar al miglior film internazionale).

Disponibile su Youtube e Google Play, questi film dal titolo originale “Hross í oss” tratta di una serie di racconti brevi, non sempre collegati tra loro, che hanno come soggetti principali i cavalli e la loro relazione con l’uomo.

La pellicola è stata definita come una satira che procede come le diverse andature dei cavalli. Le battute taglienti e raffinate, contrastano con il background generale dei racconti rappresentati.
NON UN FILM PER TUTTI, ma sicuramente adatto a chi sono piaciuti Storie” di Michael Haneke, “Canicola” di Ulrich Sedl e Girotondo” di Arthur Schintzler.

DOVE VEDERE I FILM